L’ Utlo e quei saluti ad alta quota

Ieri mattina alle 5 la sveglia è suonata per portarmi in quota sul Monte Croce per lavorare all’Ultra Trail del Lago d’Orta, anche se per affinità di nomenclatura a me durante la salita è apparso più un calvario che una trasferta di lavoro, vista la nebbia che non ci ha mollati un attimo, il freddo nelle ossa, i quintali di attrezzatura nello zaino.

Mi sono ripromessa di tornarci perchè mi hanno garantito che il paesaggio lassù in condizioni appena meno nebbiose è qualcosa che toglie davvero il fiato. Lo farò, magari per accompagnare una persona che quella gara la rincorre da due edizioni…

Fra i tanti amici che ho avuto modo di salutare sul percorso, mi ha fatto sorridere il mio saluto al vincitore del Tor des Géants Oliviero Bosatelli, che avevo già avuto modo di fotografare a Luglio all’Orobie Ultra Trail. Un’ombra nella nebbia che piano piano si avvicina, poi il passo costante e sicuro che l’ha portato a ottenere il quarto posto al termine della gara.

Un “ciao Oliviero!” detto dalla fotografa semicongelata al suo passaggio. E la sua espressione inequivocabile: “E tu chi diavolo saresti??”… Ecco, immenso Oliviero… ero io, un’umile fotografa onorata di poterti incrociare ogni tanto a qualche gara ed ammirare! 😀

A presto!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi